FatturaPA la fattura verso la Pubblica Amministrazione

Posted · Add Comment

CHIARIMENTI SULLA FATTURA PA
A un mese di distanza dall’entrata in vigore della FatturaPA molte aziende non hanno chiari i requisiti e gli obblighi legati alla fatturazione elettronica. Cerchiamo di chiarire gli aspetti fondamentali.
Lo sai che la FatturaPA obbliga le aziende alla Conservazione Sostitutiva delle fatture emesse?
Al fine di equiparare i documenti elettronici a documenti cartacei, la FatturaPA elettronica ha l’obbligo della conservazione sostitutiva dei file prodotti.

Cos’è la conservazione sostitutiva?
Il processo di conservazione sostitutiva consiste nell’archiviazione di un documento elettronico finalizzato a renderlo non deteriorabile e quindi disponibile nel tempo in tutta la sua integrità ed autenticità.

Che caratteristiche devono avere i documenti Fatture PA per essere accettate e archiviate?
Le FatturePA emesse da un’azienda verso la PA devono essere obbligatoriamente nel formato XML FatturaPA, devono essere firmate digitalmente.
Per poter essere archiviate, il sistema di conservazione sostitutiva accetta nel corso di un esercizio fatture con numerazione progressiva e senza soluzione di continuità nella numerazione. Il sistema accetta sia fatture ordinarie sia FatturePA.

Conviene quindi creare un sezionale specifico per le fatturePA?
Dato che il servizio di Conservazione Sostitutiva ha un costo solitamente a documento archiviato, può essere opportuno (a meno che non si desideri passare a una conservazione sostitutiva completa del ciclo attivo) creare un registro IVA apposito per le FatturePA con un sezionale specifico.
La proposta ACUT per firma, conservazione sostitutiva e invio alla PA
ACUT ti propone lo strumento per alleggerire la gestione delle Fatture Elettroniche generate da ACUT Erp.
Attraverso un software installato sul tuo pc, dovrai solo archiviare le Fatture Elettroniche generate da ACUT Erp in formato XML all’interno di una specifica cartella di Windows. Il software in automatico prenderà il documento, lo invierà a un server remoto che si occuperà di apporre la firma elettronica e la marca temporale, lo invierà al Sistema di Interscambio (SdI) e conserverà attraverso archiviazione elettronica (Note esplicative Deliberazione CNIPAnr11/2004del 19 febbraio 2004) i documenti.